Il servitore dello Stato La politica fa retorica
Il carabiniere Emanuele Anzini

Il servitore dello Stato
La politica fa retorica

«Chi sbaglia deve pagare» è la frase che più frequentemente viene pronunciata dai nostri politici e da molti rappresentanti delle nostre istituzioni, di fronte a vicende dolorose come quella dell’appuntato dei carabinieri Emanuele Anzini, morto perché investito da un uomo di 34 anni, che si trovava alla guida della sua auto. Più che di una vicenda, si tratta di una vera e propria tragedia.

L’appuntato dei carabinieri, infatti, era in servizio e stava effettuando un ordinario posto di blocco a Terno d’Isola quando è stato travolto e ucciso dall’automobilista che inizialmente non interrompe la sua corsa, salvo poi ripensarci e tornare indietro a distanza di qualche minuto. Scattano, così, per lui le manette. E i capi di imputazione non lasciano dubbi: omicidio volontario con dolo eventuale, omissione di soccorso, resistenza a pubblico ufficiale e guida in stato di ebbrezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA