La forza di chi prega non sta nella magia

La forza di chi prega
non sta nella magia

È la prima analisi organica della pandemia da Covid-19 della Santa Sede. Il Papa l’ha approvata lunedì 30 marzo e porta la firma della Pontificia Accademia per la vita, frutto delle riflessioni di 163 accademici di tutto il mondo e di tradizioni culturali e religiose diverse. È un testo lungo e assai articolato che prende in esame gli aspetti sanitari, sociali, economici e anche le implicazioni religiose della pandemia. Francesco ha confidato al presidente della Pontificia accademia per la vita, il vescovo Vincenzo Paglia, la sua doppia preoccupazione: per i più fragili e per la solidarietà. Paglia lo ha spiegato all’Osservatore Romano e nelle sue parole c’è la conferma della speranza del Papa e cioè che dalla tragedia l’umanità possa uscire rafforzata con un «di più di fraternità a livello globale».

L’esempio dei medici e degli infermieri in prima linea non solo dal punto di vista clinico consolida l’auspicio del Papa. C’è nel loro impegno fino all’esaurimento, nella loro tenacia sul senso di responsabilità un’indicazione che vale al di là di ogni protocollo etico e tecnico. L’analisi della Nota della Pontificia Accademia lo dice con chiarezza, domandandosi da dove viene la forza o meglio da dove ricavare la forza interiore per esercitare un così alto grado di responsabilità fino al rischio della vita.

La risposta che la Nota offre è una riflessione attorno al senso e alla potenza della preghiera e lo fa con le parole del vescovo di Bergamo mons. Francesco Beschi, unica citazione in tutto il lungo documento vaticano: «Le nostre preghiere non sono formule magiche. La fede in Dio non risolve magicamente i nostri problemi, piuttosto ci dà una forza interiore per esercitare quell’impegno che in tutti e in ciascuno, in diversi modi, siamo chiamati a vivere, in modo particolare in coloro che sono chiamati ad arginare e a vincere questo male».

© RIPRODUZIONE RISERVATA