La morte di Vincent Una lezione di vita

La morte di Vincent
Una lezione di vita

La morte di Vincent Lambert e la sua storia da ieri mattina sono diventate una lezione. Può essere un paradosso al di là delle dichiarazione di guelfi e ghibellini. Ma nessuno può negare che la vicenda costringe a discutere e a cercare di capire cosa avviene in territorio sconosciuto e quali siano gli argomenti etici, politici, e tecnici sui quali confrontarsi nella propria coscienza e sul lato pubblico. Il caso personale e pubblico insieme dovrebbe essere sfilato dalle polemiche e favorire un approfondimento sulla medicina e i suoi limiti, sul significato di «vita puramente biologica», sulla qualità della vita e sulla sua indisponibilità.

Per rispondere insomma alla domanda capitale: il diritto alla vita fa parte delle libertà individuali? La morte di Vincent può essere preziosa se fa avanzare una coscienza, anche giuridica, se sposta il confine un po’ più in là con argomentazioni lontane dalle polemiche da social network. Certamente tale dibattito sarebbe dovuto scattare ancor prima della sua morte. Il fatto che tutto ciò non sia accaduto è già, come ha scritto monsignor Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la vita, «una sconfitta per la nostra umanità».


© RIPRODUZIONE RISERVATA