La neutralità climatica è un obiettivo prioritario

L’Unione europea ha definito gli interventi che dovranno essere effettuati per giungere entro il 2050 alla neutralità climatica. Sulla scorta di queste indicazioni, il 14 dicembre scorso la Commissione ha presentato un piano d’azione relativo al settore della mobilità che si propone d’incentivare il trasporto su rotaia e sulle vie d’acqua al fine di ridurre le emissioni del 90%. L’obiettivo è di moltiplicare per due il traffico su rotaia entro il 2030 e per tre entro il 2050, tenuto conto che l’attuale rete europea, di circa 201 mila chilometri, produce appena lo 0,4% delle emissioni nocive provocate dai trasporti, mentre il trasporto su strada ne produce il 71,1%.

La neutralità climatica è un obiettivo prioritario

Il programma prevede che sia resa più agevole la pianificazione e la prenotazione dei viaggi transfrontalieri in treno e che sia moltiplicato il numero dei treni notturni, diminuiti del 65% nell’ultimo decennio, realizzando quindici nuovi percorsi internazionali entro il 2030. Si è già partiti con la nuova linea Vienna-Parigi, alla quale seguiranno a breve Parigi-Berlino, Parigi-Roma, così come altri percorsi che consentiranno di fare crescere sensibilmente questi necessari traffici ferroviari che attualmente rappresentano appena il 7% del traffico complessivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA