L’Italia digitale rincorre l’Europa

L’Italia digitale
rincorre l’Europa

La Commissione europea ha recentemente diffuso l’indice di digitalizzazione dell’economia e della società (Desi) per il 2019, dal quale emergono più ombre che luci per quel che riguarda il nostro Paese. Ci collochiamo complessivamente al 24° posto fra i ventotto Stati membri dell’Ue, con più o meno marcati gap da colmare a seconda dei vari comparti esaminati. Siamo in buona posizione per quanto riguarda il livello di «connettività», piazzandoci al 19° posto in Europa con un significativo incremento della copertura della banda larga veloce che ha raggiunto il 90% delle famiglie, superando la media europea.

Per quanto riguarda invece la banda larga ultraveloce (100Mbps e oltre) l’Italia appare ancora in ritardo, con una percentuale del 24% contro una media europea del 60%. Sostanziali miglioramenti potranno derivare dal finanziamento del progetto «WiFi Italia it» che, partito nel 2017, consentirà agli utenti di connettersi facilmente ad una rete WiFi gratuita e capillare in tutto il Paese.

Sul fronte del «capitale umano», che fa riferimento alle competenze digitali di base e superiori, l’Italia è al di sotto della media Ue. In particolare, solo il 44% degli individui tra i 16 e i 74 anni possiede competenze digitali di base (57% in Europa) e solo il 92% delle persone di età compresa tra i 16 e i 24 anni usa abitualmente internet, il che ci posiziona all’ultimo posto in Europa dove la media è del 97%. Si rende necessario, quindi, destinare maggiori risorse al «Piano nazionale per la scuola digitale», lanciato nel 2015, soprattutto nell’istruzione primaria e secondaria, visto che solo il 20% degli insegnanti ha sino ad oggi effettuato corsi formativi di alfabetizzazione digitale e il 24% delle scuole manca ancora di corsi di programmazione. Risultiamo ben al di sotto della media Ue anche per quanto riguarda «l’uso di servizi internet», visto che il 19% degli individui residenti in Italia - quasi il doppio della media Ue - non ha mai usato internet.

© RIPRODUZIONE RISERVATA