Politica del surf e corsa in Europa

Politica del surf
e corsa in Europa

L’ultimo cedimento di Di Maio verso Salvini è il reddito di cittadinanza solo agli italiani, sempre che non vada a sbattere contro la Costituzione. La linea del Piave, la bandiera dei Cinquestelle in comproprietà con il sovranismo. Un po’ per l’uno e un po’ per l’altro. Ma la torta non è divisa in parti uguali, come s’illudevano i grillini. Il ministro dello Sviluppo economico cerca lo sgambetto per rimontare, rincorre il socio quasi a volersi liberare di quello che appare un ruolo gregario da junior partner.

Ma non c’è niente da fare: il titolare dell’Interno non solo è il dominus della maggioranza, ma di fatto tiene al guinzaglio il Paese, l’uomo forte che conduce il gioco. Può molto, spread e Costituzione permettendo, oltre il proprio mandato istituzionale e il perimetro della Lega. Può fare il cattivista e al contempo proporsi come elemento stabilizzatore e rassicurante, se non moderato, su tutte le frizioni con i mondi produttivi: l’uomo che sa gestire i propri incendi e il pompiere che spegne i focolai altrui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA