«Atalanta, non servono rivoluzioni, ma soltanto innesti mirati»

Calcio L’ex capitano Massimo Carrera guarda con fiducia al futuro dei nerazzurri: «Macché ciclo finito, la base è ancora solida e sotto la guida di Gasperini la squadra potrà fare ancora ottime cose. Anche essere fuori dall’Europa non sarà necessariamente un male: concentrarsi solo sul campionato aiuterà a risalire le gerarchie».

«Atalanta, non servono rivoluzioni, ma soltanto innesti mirati»
Massimo Carrera, oggi allenatore, in versione giocatore di padel: in questi giorni è spesso a Bergamo per partecipare al torneo dell’Accademia dello sport per la solidarietà

«All’Atalanta non servono rivoluzioni e non credo proprio sia il caso di parlare di ciclo finito. Piuttosto direi che andranno fatti degli innesti mirati».Parola di Massimo Carrera, 58 anni, allenatore in attesa di panchina (ultime esperienze con Spartak Mosca, Aek Atene, Bari e, prima ancora, come collaboratore tecnico di Antonio Conte alla Juve e in Nazionale) ex capitano nerazzurro che in questi giorni torna spesso a Bergamo per dividersi fra padel e tennis nel torneo dell’Accademia dello sport per la solidarietà, alla Cittadella dello Sport. E il suo passato nerazzurro (242 presenze e 4 gol dal 1996 al 2003) rende autorevole il suo pensiero in materia: «La struttura consolidata, con mister Gasperini che ha portato l’Atalanta ad alzare l’asticella delle ambizioni e l’ossatura di giocatori attuali, può ottenere ancora ottimi risultati . È la base da cui ripartire. Io, per esempio, su attaccanti come Muriel e Zapata punterei ancora con decisione. Se stanno bene, possono dare ancora molto». Quanto al fatto di essere fuori dall’Europa dopo cinque anni (di cui tre in Champions) Carrera non lo vede necessariamente come un male: «L’Europa è bellissima, ovviamente, ma ti fa spendere tante energie. Tante partite ravvicinate rischiano di farti perdere qualche punto per strada. L’anno prossimo l’Atalanta, senza Coppe, può avere importanti chance di risalire con forza le gerarchie in campionato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA