Ciclismo Juniores, per la Trevigliese doppio podio tricolore

Campionati italiani a cronometro Ottima prova di Davide Donati (bresciano tesserato per la società della Bassa) e del suo compagno di colori Nicolas Milesi (di Parre) nella gara di San Giovanni al Natisone (Udine). I due sono stati battuti di un’inezia (5 e 7 secondi rispettivamente) dal vincitore, il varesino Alessandro Cattani. Bene anche Samuele Alari (di Gandosso, corre per la Romanese) quarto a 11”.

Ciclismo Juniores, per la Trevigliese doppio podio tricolore
Nicolas Milesi, di Parre, in un’immagine d’archivio: il ragazzo della Ciclistica Trevigliese ha conquistato la medaglia di bronzo ai Campionati italiani juniores a crometro. Con lui sul podio (al secondo posto) il compagno di squadra Davide Donati, bresciano

Tre nei primi quattro, ma la grande prestazione collettiva e individuale dei giovani ciclisti bergamaschi ( di nascita o per tesseramento) nella gara juniores dei Campionati italiani a cronometro di ciclismo – a San Giovanni al Natisone, in provincia di Udine – alla fine ha gusto amaro della beffa. Perché a imporsi, per una manciata di secondi, è stato (con merito, sia chiaro) il varesino Alessandro Cattani, della Bustese Olona. Una gara combattutissima e costantemente in bilico, con i primi quattro racchiusi in 11”. Cattani infatti ha vinto con 5” sul bresciano (tesserato per la Ciclistica Trevigliese) Davide Donati, con 7” sul bergamasco di Parre (pure lui della Trevigliese) Nicolas Milesi e con 11” su Samuele Alari, di Gandosso, che corre per la Romanese. Certo, la vittoria di Cattani (uno che tutte le domeniche si pazza costantemente fra i primi negli ordini d’arrivo delle gare a cui partecipa) non rappresenta una sorpresa, ma per i nostri atleti la delusione per la maglia tricolore sfumata prevale forse sull’ottima gara disputata. Almeno a botta calda, perché sicuramente – una volta passata la delusione – resteranno il valore della prestazione e dei piazzamenti finali in un contesto nazionale. E data la giovanissima età, tutti avranno nel corso della carriera le occasioni per rifarsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA