Cinque bergamaschi alla Dakar Si parte il 5 gennaio: «Sarà un’avventura»
Team Italtrans. Da sinistra: Giulio Minelli, Bruno Gotti e Claudio Bellina davanti al loro camion Daf X2223

Cinque bergamaschi alla Dakar
Si parte il 5 gennaio: «Sarà un’avventura»

Carrara (auto), Bellina, Minelli, Gotti e Verzeletti (camion) in Arabia Saudita. «La sabbia sarà il principale ostacolo. Obiettivo: arrivare in fondo».

Due team, tre camion e cinque concorrenti: anche quest’anno la partecipazione dei bergamaschi alla Dakar (42ª edizione), al via il 5 gennaio da Jeddah (Arabia Saudita), è tra le più folte d’Italia. Tre di questi saranno alla guida: Claudio Bellina di Trescore Balneario sul Daf X2223 del team Italtrans di Calcinate, Marco Carrara di Paladina sulla Mitsubishi Pajero WRC mentre Giulio Verzeletti di Telgate si alternerà con Antonio Cabini al volante del Mercedes Unimog 400 dell’Orobica Raid. Quest’ultima formazione, con sede a Chiuduno, schiera anche un secondo camion, il Man AG 4x4 affidato a Paolo Calabria. Sul camion Italtrans invece il navigatore è Giulio Minelli di Costa Volpino e il meccanico a bordo Bruno Gotti di Valbrembo.

ShingoTamai
Giovanni Cortinovis Numero 14 per vocazione, mai titolare in redazione, giostra da jolly proponendosi all’allenatore di turno quando crede di avere un’idea utile a sparigliare le carte. Laureato all’Università Bocconi con una tesi sul marketing delle società di calcio di medio-piccole dimensioni ha scritto di economia sportiva per il Guerin Sportivo e IlSole24OreSport e lo fa ancora oggi sull’Eco di Bergamo, sulle cui pagine ha esordito nel febbraio 2003. Amante delle statistiche in tutte le declinazioni (non solo calcistiche), se ne serve per spiegare tendenze e fenomeni poco trattati dal giornalismo sportivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA