Rota, beffa tricolore. Fra le donne vincono Balsamo e Gasparrini

Ciclismo Bergamaschi di nascita o d’adozione protagonisti ai campionati italiani su strada in linea. Fra i maschi grande prestazione del 27enne di Sorisole, che si arrende solo al vicentino Zana. Nella prova femminile il titolo assoluto all’iridata di Cuneo che vive a Sarnico, mentre quello under 23 va alla torinese che gareggia per la Valcar di Bottanuco. Buon quarto posto per Consonni.

Rota, beffa tricolore. Fra le donne vincono Balsamo e Gasparrini
Il vicentino Filippo Zana beffa il bergamasco Lorenzo Rota sul traguardo di Alberobello: è lui il campione italiano di ciclismo su strada in linea 2022
(Foto di www.federciclismo.it)

Un secondo posto e un quarto posto che sanno di beffa al termine di due ottime prestazioni, due titoli al femminile che possiamo a buon diritto considerare bergamaschi anche se arrivano entrambi da atlete nate in Piemonte. La giornata tricolore del ciclismo su strada in linea si chiude nel complesso con un ottimo bilancio per i colori orobici, anche se resta un po’ di rimpianto per ciò che poteva essere con un pizzico di fortuna in più. Partendo dalla gara maschile ad Alberobello (Bari) meritava sicuramente di più Lorenzo Rota, 27enne di Sorisole che corre per la francese Intermarché: ha promosso l’azione decisiva, è partito bene e al momento giusta nella volata finale, ha avuto solo il torto, se così si può dire, di trovare sulla sua strada un avversario altrettanto bravo e determinato, che l’ha beffato sulla linea del traguardo. La maglia tricolore di campione d’Italia il prossimo anno sarà così sulle spalle di Filippo Zana, 23enne vicentino della Bardiani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA