Al Museo Caffi l’antico «tennis» dei pellerossa

Reperti Le ragazze della squadra Lacrosse Milano Baggataway in visita in città per vedere il reperto portato dal Nordamerica da Costantino Beltrami nel 1823, ritenuto oggi la «racchetta» più antica per l’antico gioco dei nativi americani, sopravvissuta alla distruzione della loro civiltà a opera di coloni ed esercito americano.

Al Museo Caffi l’antico «tennis» dei pellerossa
La squadra Lacrosse Milano Baggataway al Museo Caffi con il direttore Marco Valle: la «mazza» dei nativi di 200 anni fa paragonata a un attrezzo dello sport di oggi

L’emozione di impugnare una «mazza da lacrosse» pellerossa, vecchia di duecento anni. Le ragazze della squadra Lacrosse Milano Baggataway hanno potuto farlo al Museo Caffi, dove il direttore Marco Valle ha presentato loro il reperto portato dal Nordamerica da Costantino Beltrami nel 1823, ritenuto oggi la «mazza da lacrosse» più antica conosciuta, sopravvissuta alla distruzione delle civiltà indiane a opera di coloni ed esercito americano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA