«Straordinari affreschi del ’500 in via Tasso»

Fiera dei librai Durante un incontro su passato e presente della carità a Bergamo e degli Istituti Educativi, la storica dell’arte Beatrice Bolandrini, conservatrice del loro patrimonio artistico, ha parlato di tre ambienti dalle pareti riccamente dipinte che stanno tornando alla luce durante il restauro dell’edificio dell’ex Hotel Commercio: «Un ciclo dalla complessità degna dei rebus di Lorenzo Lotto»

«Straordinari affreschi del ’500 in via Tasso»
Il palazzo di via Tasso che ospitava l’ex Hotel Commercio, ora in fase di restauro
(Foto di Foto Bedolis)

Sorpresa, all’interno di un incontro della Fiera dei Librai di sabato, dedicato alla rete dell’assistenza a indigenti, malati, orfani, anziani a Bergamo dal Medioevo a oggi, con Cesare Fenili, storico di Archivio Bergamasco, che ha tracciato una sintetica storia dell’assistenza in città, dalla fondazione dell’Istituto degli esposti, nel 1170, sino al secolo scorso, e la storia dell’orfanotrofio maschile di Bergamo (che nel 1971 fu accorpato negli Istituti Educativi) raccontata da Fabio Gatti, autore di un libro che vedrà la luce in settembre, per i tipi di Archivio Bergamasco: «Pietas ad omnia utilis. Orfanotrofi e Istituti educativi nella storia di Bergamo» il titolo (ad oggi).

© RIPRODUZIONE RISERVATA