Caccia al personale e bollette salate, lo storico «Zù» chiude i battenti

Riva di Solto. Il ristorante con vista sul lago cessa l’attività dopo oltre 40 anni. Attori, sportivi e politici hanno gustato i piatti «panoramici». I titolari: estate record, ma ora tutti i prezzi sono schizzati alle stelle.

Caccia al personale e bollette salate, lo storico «Zù» chiude i battenti
Una delle sale del ristorante Zù con vista sul lago

Attori di Hollywood, cantanti famosi, sportivi di successo, allenatori e persino un presidente del Senato della Repubblica. Negli anni sono migliaia i palati passati dal ristorante Zù a Riva di Solto, una vera e propria istituzione sul lago d’Iseo. Da alcuni giorni però l’insegna gestita da Patrizia Zenti e dal marito Marcello Viscardi ha chiuso i battenti. Ufficialmente sospesa, ma la stringata comunicazione comparsa sul profilo social del ristorante che recita «chiusura fino a data da destinarsi» non basta a spiegare il mondo di emozioni contrastanti che si nascondono dietro una scelta del genere. «Abbiamo deciso di non riaprire dopo aver concluso una stagione estiva da record», spiega Marcello Viscardi . E allora perché non proseguire? «Grosse difficoltà a trovare personale qualificato e bollette triplicate, ma anche il prezzo delle materie prime che è schizzato alle stelle. Forse non tutti lo sanno, ma per alcuni prodotti è addirittura quadruplicato. Aumentare ulteriormente i prezzi non avrebbe avuto senso, sarebbe stato ingiusto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA