Da turisti a gestori del bar E a Nona la frazione rivive
Cristina Saracino e la figlia Nicoletta

Da turisti a gestori del bar
E a Nona la frazione rivive

Da Foresto Sparso alla frazione di Vilminore di Scalve per gestire il solo locale pubblico presente

Da Foresto Sparso a Nona, piccola (70 abitanti) frazione di Vilminore di Scalve, e non per villeggiatura. La famiglia Casati arriva nella più alta della frazioni scalvine per prendere in gestione il bar del paese. «Da due anni – racconta Cristina Saracino, che con la figlia Nicoletta Casati si è lanciata nell’avventura – la nostra famiglia ha scelto Nona per le vacanze: abbiamo preso una casa in affitto e la località ci piace molto; io e mio marito, in particolare, siamo innamorati delle passeggiate che si possono fare qui vicino. Un giorno, parlando con Lucia, che gestiva il bar prima di noi, ho scoperto che entro poco tempo il locale, l’unico nella frazione, avrebbe chiuso».

L’idea di rilevarne la gestione è arrivata quasi subito. «Un’idea condivisa con Nicoletta, mia figlia – continua Cristina –, che ora studia Scienze dell’educazione ma che ha sempre avuto un debole per il lavoro come barista. Nel fine settimana arriva ad aiutarci Massimo, mio marito. Anche gli altri due figli, Jacopo e Filippo, ci hanno appoggiato in questa scelta, anche se loro continueranno a lavorare negli ambiti che hanno scelto da tempo». Una gestione familiare a tutti gli effetti, dunque, in un paesino che è un po’ una famiglia allargata.

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale dell’Eco di Bergamo del 24 ottobre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA