Minaccia un vigile e poi un carabiniere Condannato 55enne di Bossico
Il municipio di Bossico dove l’uomo ha dato in escandescenze

Minaccia un vigile e poi un carabiniere
Condannato 55enne di Bossico

«Avevo bevuto, ma nemmeno mi ricordo cosa o quanto». Si è giustificato così venerdì in direttissima il 55enne di Bossico, G. L., che giovedì pomeriggio ha dato in escandescenze.

Prima ha minacciato di morte l’unico agente di polizia locale del Comune, tanto da costringerlo a cercare rifugio in municipio, poi ha cercato di entrare nell’edificio e facendo scattare perfino l’allarme e, infine, se l’è presa anche coi carabinieri di Sovere, intervenuti a supporto dell’agente. Il tutto di fronte a diversi concittadini attoniti. A dare il via alla vicenda il fatto che l’agente aveva notato il 55enne, con un’andatura un po’ incerta, viaggiare senza casco in sella a un motorino privo di contrassegno.

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 9 giugno 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA