Riaperta la strada rivierasca sul Sebino Ma è polemica: scatta la raccolta firme

Riaperta la strada rivierasca sul Sebino
Ma è polemica: scatta la raccolta firme

Duecento firme raccolte in una sola mattinata, un’esasperazione che si comincia a toccare con mano per un problema di cui non si intravede neppure la volontà di risolverlo alla radice.

L’ennesimo «stop&go» della strada provinciale rivierasca 469 rimasta chiusa per ventiquattro ore tra Riva di Solto e Tavernola dalle 16 di domenica alle 16 di lunedì sta facendo discutere animatamente gli amministratori e i cittadini della sponda bergamasca del lago di Iseo.

A Tavernola, il comune più colpito dalle ultime frane e dagli smottamenti che tagliano in due la strada, costringendo i lavoratori pendolari a fare tutto il giro del lago (66 chilometri), Anna Sorosina ha lanciato una raccolta firme, distribuendo i moduli nei pubblici esercizi del basso e dell’alto Sebino.

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 6 giugno 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA