Le terme curative di San Pellegrino: ora spunta l’ipotesi Grand Hotel
Inaugurazione parco del Grand Hotel di San Pellegrino (Foto by Mario Rota)

Le terme curative di San Pellegrino:
ora spunta l’ipotesi Grand Hotel

Per le terme curative di San Pellegrino, spunta l’ipotesi Grand Hotel. Nel seminterrato dello storico edificio liberty potrebbero trovare posto bagni termali e cure tradizionali.

A oggi sull’ipotesi iniziale, ovvero quella di realizzarle nell’ex Villa Giuseppina (vicino a «Qc Terme»), non c’è ancora un accordo tra Comune e gruppo Percassi, proprietario dell’immobile.

Intanto, a quasi un anno dal debutto del centro gestito da «Qc Terme», resta aperta la questione della proprietà: secondo l’accordo di programma, il gruppo Percassi avrebbe dovuto vendere le terme al Comune per 16 milioni di euro, passaggio non avvenuto.

A seguito di ciò, quindi, sul tavolo dell’amministrazione comunale sono rimasti

L’inaugurazione parco del Grand Hotel di San Pellegrino

L’inaugurazione parco del Grand Hotel di San Pellegrino
(Foto by Mario Rota)

disponibili gli otto milioni di euro che la Regione aveva messo a disposizione proprio per l’acquisto delle terme.

Fondi che la Giunta sanpellegrinese vorrebbe utilizzare per costruire la parte sanitaria delle terme, nell’ex Villa Giuseppina o altrove, per il recupero della funicolare e la realizzazione del parco turistico alla Vetta e per il completamento del casinò-teatro. Non potendo usarli in tal senso il Comune chiederebbe il rispetto dell’accordo e quindi l’acquisto delle terme.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 7 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA