Nel vortice della tossicodipendenza Chiusi in casa senza cibo e riscaldamento

Nel vortice della tossicodipendenza
Chiusi in casa senza cibo e riscaldamento

Una coppia che ha vissuto chiusa in una casa nella zona di Piazza Brembana per mesi, senza riscaldamento, né acqua calda o cibo. Una storia che affonda le radici nella tossicodipendenza, e risale allo scorso inverno.

Ma, come ha affermato ai microfoni di Bergamo Tv Olivano Comotti, dell’associazione «Amici di Marino», ci sarebbe stato un piccolo primo evento positivo: «La ragazza è stata convinta a entrare in una comunità, dove è seguita a livello medico. Mangia, poco ma mangia». E «piano piano si va avanti».

Questa situazione, che risalirebbe allo scorso inverno, è stata diffusa venerdì sera 24 giugno dal telegiornale di Bergamo Tv. E, in questo percorso, sarebbe stato importante anche l’intervento dei vicini di casa della coppia, i primi che si sarebbero accorti che c’era qualcosa che non andava. È stata quindi avvisata la famiglia della 27enne (il compagno ha 40 anni) ma, dopo gli inutili tentativi di farsi aprire la porta, con l’aiuto degli operatori dell’associazione «Amici di Marino», sono state allertate le forze dell’ordine.

La coppia avrebbe vissuto per mesi, durante lo scorso inverno, chiusa in una casa senza neppure avere di che sfamarsi. Entrambi tossicodipendenti, lei che soffriva di anoressia, ogni tanto andavano in città per cercare di procurarsi droga e forse qualcosa con cui nutrirsi. Un cane è sparito, e c’è persino chi ha ipotizzato sia diventato un pasto, in mancanza di altro cibo. C’era molta preoccupazione soprattutto per la giovane, che soffriva di anoressia, ed era arrivata a pesare solo 32 chili.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola sabato 25 giugno 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA