Quarta asta deserta a Carona La stagione è a rischio

Quarta asta deserta a Carona
La stagione è a rischio

Nessuna offerta per le seggiovie di Val Carisole a 2,6 milioni di euro. I curatori: pronti a scendere ancora del 20%, ma il tempo stringe e gli operatori ora invocano l’esproprio .

Quarta asta deserta. E si fa sempre più in salita la possibilità di riapertura delle seggiovie di Val Carisole, a Carona, con conseguenze disastrose sull’economia dell’alta valle. La stazione sci era in vendita ieri a un prezzo minimo di 2,6 milioni di euro, ma nessuna offerta è arrivata al Fallimento della Brembo Super Ski che è riuscita a vendere solo un appartamento sul piazzale Alberghi.

Invenduto, invece, il lotto funzionale per far girare gli impianti di risalita del comprensorio di Val Carisole, ovvero le seggiovie Alpe Soliva, Conca Nevosa e Valgussera (seggiovia anche di collegamento con le piste di Foppolo). La curatela fallimentare intanto ribadisce di non essere disposta a dare in affitto il ramo d’azienda per una stagione, salvo di fronte a un’offerta irrevocabile di acquisto con cauzione. «Dopo un confronto con il giudice si è deciso di abbassare di un altro 20% il prezzo di vendita, quindi intorno ai 2 milioni e 100 mila euro. Diversamente la prossima asta dovrebbe svolgersi a dicembre».


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 27 settembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA