Scialpinisti: rovinapiste o risorsa? Riprende quota la polemica
Spettacolo di luci sul monte Timogno, dove gli scialpinisti risalgono le piste in notturna (Foto by Mirco Bonacorsi)

Scialpinisti: rovinapiste o risorsa?
Riprende quota la polemica

Salusso da Foppolo tuona contro chi scia sui tracciati di sera e i rifugisti che li attraggono a cena. Dal Pora e Valtorta l’allarme sicurezza: «È pericoloso».

Fa caldo, di neve dal cielo ne è scesa poca e tenere in ordine le piste da sci è un’impresa sempre più dura. Ci si mettano anche – si lamentano molti gestori delle nostre stazioni invernali – gli sci alpinisti che di sera percorrono le piste appena battute, e il danno – dicono – è servito.

L’annosa polemica contro ciaspolatori e sci alpinisti viene ora rilanciata dal direttore generale di Brembo Super Ski in fallimento, Vittorio Salusso, il factotum di Foppolo che sulla pagina Facebook di Bbs ha postato un lungo scritto in cui fa presente che «nelle stagioni come queste, con questo clima, dove l’unica neve sciabile è quella prodotta dall’innevamento, credo che sia da parte degli sci alpinisti e ciaspolatori una mancanza di rispetto verso di voi e verso il nostro lavoro. Ricordiamo nuovamente che è vietata per legge qualsiasi percorrenza sulle piste dopo la chiusura degli impianti».


Leggi di più acquistando a 0.99 euro la copia digitale del 3 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA