Un anno di minacce e insulti al compagno «Se parli, prendi un sacco di botte»

Un anno di minacce e insulti al compagno
«Se parli, prendi un sacco di botte»

Un caso di bullismo scuote la Bergamasca. Due ragazzi di 15 e 16 anni sono stati arrestati dopo un anno di minacce e insulti a un compagno di scuola. Su L’Eco la ricostruzione di tutta la vicenda e gli ultimi sviluppi.

Le minacce, gli insulti e i soprusi andavano avanti da un anno. Ed erano talmente pesanti che, all’inizio delle scorse vacanze di Natale, i genitori della vittima hanno dovuto ritirare il figlio dall’Istituto alberghiero di San Pellegrino Terme e fargli cambiare scuola a metà anno scolastico. Il 1° dicembre precedente lo stesso padre aveva formalizzato una denuncia ai carabinieri di Zogno per i «comportamenti vessatori» nei confronti del figlio da parte di due compagni di classe, uno di 15 e l’altro di 16 anni, entrambi residenti nella Bergamasca (omettiamo ulteriori indicazioni in quanto si tratta di minori). Dalle indagini dei carabinieri è emerso che i due bulli agivano anche da soli, sempre prendendo però di mira lo stesso ragazzo. Uno dei due, per esempio, appreso che la vittima aveva confidato ai docenti le vessazioni subite, gli aveva intimato: «Se esce il mio nome al Consiglio di classe, fuori da scuola prendi un sacco di botte».

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 5 maggio 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA