Addio Claudio, con lui se ne va la nostra meglio gioventù

Addio Claudio, con lui se ne va
la nostra meglio gioventù

Se n’è andato. Quel ragazzo che non è mai invecchiato, se n’è andato a 51 anni in punta di piedi, consegnando la scia del suo passo ai ricordi di tutta la comunità di Grumello, dov’era nato e dove aveva sempre vissuto.

Austoni aveva avuto, da piccolo, una grave malattia. Si era fermato, in qualche modo, lì. Ragazzo per sempre. Una vita fatta di cose minime, in casa con l’amata mamma Angelina quando i fratelli Mario e Santino se n’erano andati per crescere le loro famiglie, pur restando sempre vicini. Claudio, la sua camminata compatta, i suoi saluti appena mormorati, una presenza costante nelle strade del suo paese. Lì, a ricordaci giorno per giorno che la vita è bella. Sempre, malgrado e nonostante tutto, la vita è bella. L’ha attraversata fermando il tempo di tutti noi: vederlo per strada era ripassare gli anni dell’infanzia, della giovinezza sconfinati nelle stagioni della maturità. Claudio era rimasto la nostra meglio gioventù.

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 8 luglio 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA