Corto circuito a un congelatore Alloggio distrutto a Grumello

Corto circuito a un congelatore
Alloggio distrutto a Grumello

Il rogo è partito da un corto circuito a un congelatore. L’appartamento in via della Repubblica ora è inagibile.

Un corto circuito a un congelatore sarebbe all’origine dell’incendio che nel pomeriggio di martedì 16 luglio a Grumello del Monte ha distrutto e reso inagibile un appartamento, costringendo la famiglia di pachistani che lo occupava, ma assente al momento dell’accaduto, a trovare alloggio in un albergo. Muhammad Asif, la moglie e i figli di 14, 11, 7 e 3 anni, hanno passato la notte in un hotel del posto e nella mattinata di mercoledì 17 luglio si sono recati in municipio per conoscere l’eventuale possibilità di occupare un’abitazione comunale.

Il fatto si è verificato ieri alle 17,45, al primo piano dello stabile prefabbricato di via della Repubblica 25, che al pianterreno ospita gli uffici della Rolin srl, ditta specializzata in imballaggi in legno, che un quarto d’ora prima aveva chiuso i battenti. In uno dei due appartamenti, l’altro è occupato dal fratello del titolare della ditta, abita appunto la famiglia del pachistano, che lavora in una confinante fabbrica: i sei a quell’ora però erano in visita ad alcuni connazionali di Telgate. Ad accorgersi del fumo e delle fiamme che uscivano copiosamente da uno dei due alloggi è stato l’operaio di una vicina ditta di accessori per abbigliamento.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 17 luglio 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA