Endine, risolto il giallo del pedalò sparito Rimosso dall’Autorità  per irregolarità

Endine, risolto il giallo del pedalò sparito
Rimosso dall’Autorità per irregolarità

Una decina di giorni fa l’appello di una donna su Facebook per la scomparsa del natante, che era ancorato al pontile in località Pura. Il sindaco: «È stata l’Autorità del bacino lacuale dei laghi d’Iseo, Endine e Moro a prelevarlo. Lo hanno in custodia a Sarnico».

Una donna una decina di giorni fa aveva lanciato un appello su Facebook (nickname: «Monica Monica») per chiedere di aiutarla nella ricerca di un pedalò scomparso. Forse era stato rubato (questa l’ipotesi, scritta a caratteri cubitali, della signora), forse qualcuno aveva slegato la cima che lo ancorava al pontile in località Pura a Endine Gaiano. Le possibili spiegazioni erano diverse. Invece, le cose stanno diversamente, e riguardano alcune irregolarità contestate dall’Autorità del bacino lacuale del lago d’iseo: «È stata l’Autorità del bacino lacuale dei laghi d’Iseo, Endine e Moro a prelevarlo – spiega il sindaco di Endine Gaiano, Marco Zoppetti –. Lo hanno in custodia loro a Sarnico. Purtroppo, pare che non potesse stare là dov’era ormeggiato».


Leggi di più acquistando a 0,99 euro la copia digitale de «L’Eco di Bergamo» di venerdì 21 giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA