Lago gelato, niente divieti di accesso I sindaci: «Ormai sono inutili»

Lago gelato, niente divieti di accesso
I sindaci: «Ormai sono inutili»

Mentre sull’Endine inizia a formarsi la superficie ghiacciata, i Municipi rivieraschi hanno deciso di affrontare così il previsto «assalto» di camminatori e pattinatori: «Stop alle ordinanze, sono ormai inutili».

Un anno dopo, il lago di Endine non è ancora ghiacciato e nessun progetto - annunciato appunto un anno fa - per «sfruttare» a fini turistici (ma in sicurezza) la superficie ghiacciata, è andato in pista. Però adesso, che il gelo sta cominciando la sua stretta, i sindaci rivieraschi hanno preso una decisione destinata a far discutere: dopo vent’anni, via all’ordinanza che vieta di camminare o pattinare sulla lastra di ghiaccio.

I sindaci di Monasterolo, Endine, Ranzanico e Spinone si preparano così all’assalto di pattinatori e camminatori: con il ritiro dell’ordinanza con cui le Amministrazioni hanno sempre vietato l’accesso al lago ghiacciato. «Stiamo definendo i dettagli dal punto di vista burocratico e legale – spiegano i sindaci – ma è questione di giorni, se non di ore». «Punteremo sull’informazione e sulla prevenzione, per spiegare rischi e pericoli».

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale dell’Eco di Bergamo del 16 dicembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA