Muore in moto al rientro dalla cena Spinone piange Bettino

Muore in moto al rientro dalla cena
Spinone piange Bettino

Sabato 22 aprile in paese l’addio al 57enne morto giovedì nell’impatto con un’auto a Vigano lungo la statale 42. Il ricordo del fratello: «Grande passione per la musica».

All’indomani del tragico incidente di Vigano San Martino che, alle 21,45 circa di giovedì 20 aprile a una decina di metri dall’ingresso dell’Eurospin lungo la strada statale 42, è costato la vita al 57enne Bettino Spada, la dinamica dei fatti, al vaglio degli inquirenti, rimane ancora tutta da chiarire. Data la delicatezza dell’evento, i carabinieri della compagnia di Clusone, che stanno proseguendo nel lavoro di indagine, tengono il più stretto riserbo. Così gli unici elementi certi a disposizione in questo momento sono il luogo dell’impatto, l’ora, le persone e i mezzi coinvolti. Spada, originario di Schilpario ma residente a Trescore in località Colle, viaggiava a bordo di un maxi scooter quando si è scontrato frontalmente con un’auto, guidata da un giovane di Endine Gaiano.

Spada – dipendente della ditta Akron di Grone specializzata nello stampaggio di materie plastiche – pare stesse rientrando a casa, a Trescore, dopo essere stato a cena dalla figlia Serena a Spinone al Lago. Il giovane a bordo dell’auto, anch’egli operaio, stava facendo ritorno a Endine al termine della giornata di lavoro. «Bettino ha girato molto nel corso della sua vita – ha ricordato il fratello Erminio –, lavorando anche in Messico e in Iran. Amava molto la musica, suonava sia la chitarra sia il sassofono e faceva parte di un complesso chiamato “Liscio 70”. Aveva anche una passione per il legno con cui realizzava piccole sculture. Con Bettino – ha aggiunto – ci vedevamo soprattutto qui a Spinone, dove la nostra famiglia era arrivata da Schilpario più di 40 anni fa». I funerali saranno celebrati oggi pomeriggio, alle 16,30, nella chiesa parrocchiale di Spinone. Poi la sepoltura nel cimitero del paese.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 22 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA