Pasticciere morto in Val di Scalve «Conosceva bene la zona dov’è caduto»
Mario Bena

Pasticciere morto in Val di Scalve
«Conosceva bene la zona dov’è caduto»

Mercoledì 10 luglio i funerali di Mario Bena, 38 anni: tutti gli anni trascorreva qualche giorno alla diga del Gleno.

Sarà celebrato mercoledì 10 luglio, alle 15, nella chiesa parrocchiale di Trescore, il funerale di Mario Bena, il pasticciere di 38 anni che ha perso la vita durante un’escursione in montagna a Vilminore di Scalve. L’uomo non dava notizie da venerdì e durante le ricerche, lunedì pomeriggio, è stato trovato il suo corpo senza vita in un canale, in una zona impervia della valle. Era caduto per 150 metri. Mario aveva raggiunto la diga del Gleno dove aveva trascorso quattro giorni, da martedì a venerdì.

«Era diretto verso il rifugio Tagliaferri – racconta Matteo, 28 anni, fratello della vittima –. Avrebbe voluto raggiungerlo per la prima volta quest’anno. Tutti gli anni trascorreva qualche giorno di vacanza in tenda alla diga del Gleno, zona quindi che conosceva bene, lui e la sua cagnolina, una meticcia dal pelo marrone, erano inseparabili. Quest’anno, però, il cane non ha voluto seguirlo».


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 10 luglio 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA