Trescore, due giorni fa lo schianto in moto  Un’altra vita spezzata: morto 18enne
Il punto in cui si è verificato l’incidente, tra Zandobbio e Trescore

Trescore, due giorni fa lo schianto in moto
Un’altra vita spezzata: morto 18enne

Non ce l’ha fatta il diciottenne di Capriolo che nella notte tra sabato 5 e domenica 6 ottobre è rimasto ferito nell’incidente stradale accaduto a Trescore, in via Gramsci, all’altezza dell’incrocio con via Cherio, sul confine con Zandobbio.

Non ce l’ha fatta il diciottenne di Capriolo che nella notte tra sabato 5 e domenica 6 ottobre è rimasto ferito nell’incidente stradale accaduto a Trescore, in via Gramsci, all’altezza dell’incrocio con via Cherio, sul confine con Zandobbio. Il ragazzo, M. S., era ricoverato in coma nel reparto di Terapia intensiva all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Nello schianto ha riportato un violento trauma cranico e non ha più ripreso conoscenza. L’autorità giudiziaria ha autorizzato il prelievo degli organi.

L’incidente stradale è successo intorno alle tre, in un punto poco distante dalle terme di Trescore. M. S. era in sella di un motociclo Aprilia e stava procedendo dal centro di Zandobbio lungo via Cherio. Ha attraversato l’intersezione quando in quel momento è sopraggiunta una macchina, una Opel, che stava viaggiando lungo via Gramsci. Il conducente della macchina, C. S., un 28enne residente in un paese della zona, non è riuscito a frenare in tempo e ad evitare la motocicletta. L’impatto è stato molto violento: il motociclista è stato sbalzato sull’asfalto nei paraggi del suo mezzo e ha riportato traumi su tutto il corpo, in particolare alla testa. Il 28enne invece è rimasto illeso.

Gli automobilisti di passaggio hanno lanciato l’allarme al 112. Sul posto la polizia stradale di Bergamo per i rilievi e un’ambulanza della Croce Rossa di Entratico il cui personale ha prestato i soccorsi sanitari al motociclista trasportandolo d’urgenza, in codice rosso, in ospedale, al Papa Giovanni. Il ragazzo ha perso i sensi in seguito alla rovinosa caduta a terra e non si è più ripreso.


© RIPRODUZIONE RISERVATA