Alzano, scomparso da casa da 18 giorni Nuovo appello per trovare Angelo Zanchi
Un primo piano di Angelo Zanchi

Alzano, scomparso da casa da 18 giorni
Nuovo appello per trovare Angelo Zanchi

Non si hanno più sue notizie da 6 giugno: l’uomo, di 78 anni, era uscito in bici ma non è più rientrato a casa. Il nuovo appello della figlia.

Non si hanno più sue notizie dal 6 giugno: la famiglia di Angelo Zanchi, 78 anni, di Alzano, vive ormai da tre settimane in apprensione. L’anziano era uscito di casa in bici la mattina di giovedì 6 giugno: la sua due ruote è stata ritrovata in località Busa non lontano da casa e in un primo momento si è pensato che da lì l’uomo potesse essere rientrato dai famigliari a piedi per l’ora di pranzo. Era una persona metodica, con buona memoria e che amava scandire le giornate con gli stessi ritmi.

I volontari dei vari gruppi di Protezione civile della Valle Seriana, insieme ai vigili del fuoco, hanno battuto palmo a palmo l’area della frazione di Burro e la cava dismessa di via Fornaci. Nei giorni le zone esaminate dai volontari per la ricerche sono state anche «allargate», nella speranza di individuare anche una piccola traccia, un minimo indizio che potesse aiutare a ritrovare l’uomo. Ma la campagna a tappeto non ha dato alcun esito.

A quasi tre settimane dalla scomparsa la figlia Nives non si perde d’animo e lancia un nuovo appello via social: «Attenzione!!!! Oggi sono 17 giorni che mio padre, Angelo Zanchi,si è allontanato da casa.Di lui non abbiamo più avuto sue notizie certe, a parte il ritrovamento della bici in zona Busa. Al momento della scomparsa indossava una polo a righe su fondo blu, pantaloni blu,scarpe nere, uno zaino grigio e probabilmente un berretto blu. Mio papà ha i capelli bianchi, occhi verdi, è alto 1,65 m circa, di corporatura normale. Prego ancora cortesemente chi può darci sue notizie di contattare le forze dell’ordine o di chiamare al numero 3479839986. Ringrazio tutti anticipatamente e colgo l’occasione di ringraziare da parte mia e di tutta la mia famiglia, le moltissime persone che ci hanno aiutato e sostenuto in questi lunghi giorni».


© RIPRODUZIONE RISERVATA