Dalla Scaretada alla Stracastione Boom di turisti in Valle Seriana

Dalla Scaretada alla Stracastione
Boom di turisti in Valle Seriana

Ferragosto, fa il pieno di turisti la Valle Seriana grazie anche alle manifestazioni per tutti i gusti.

Ferragosto nei parchi, in montagna, a piedi, a cavallo e in sella ad una e-bike, ma anche nei centri storici per partecipare ai numerosi eventi proposti sul territorio: migliaia di persone nel week end scorso e in particolare a ferragosto hanno scelto di rilassarsi, praticare sport e divertirsi in Alta Valle Seriana.

A Fino del Monte, al noto parco RES, gazebi di legno e griglie erano già tutti occupati già alle 6.30 del mattino. Chi ha scelto di puntare la sveglia all’alba e chi invece ha deciso, come un gruppetto di castionesi, di raggiungere il parco in una passeggiata da Castione già la sera prima, fermandosi a dormire in tenda per godersi una nottata sotto le stelle.

A Castione della Presolana boom di turisti negli alberghi e soprattutto nei parchi: affollato il Parco Alpini per la tradizionale festa della montagna, ma molta gente anche al Passo e in Monte Pora. La vigilia di ferragosto a Castione grande successo di partecipanti per la “StraCastione”, con tantissime famiglie nel percorso più breve, oltre 300 e 150 invece nel tracciato più impegnativo della corsa.

A San Lorenzo di Rovetta in migliaia hanno partecipato sabato scorso alla 44° edizione del Palio degli Asini.

Ad Ardesio tanti bambini e giovani si sono divertiti nel pomeriggio con la tradizionale «Scaretada», la corsa a coppie sulle carriole in centro storico. Una goliardica gara proposta dalla Proloco dove non sono mancati ostacoli con acqua, segatura e prove di abilità.

A Clusone la vigilia di Ferragosto si è svolta la prima edizione del nuovo evento della Turismo Pro Clusone la «Bau Bau Run» con circa un centinaio di cani e oltre 250 persone, mercoledì sera poi tante persone in piazza per il concerto dei «V elemento»; curiosa anche la visita guidata della sera di ferragosto a Danza Macabra e Orologio, rigorosamente in dialetto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA