Il caso del 16enne in una sala slot «Si inizia per gioco, poi la dipendenza»

Il caso del 16enne in una sala slot
«Si inizia per gioco, poi la dipendenza»

Un adolescente attaccato a una slot in una sala videolottery della Val Seriana, a Comenduno di Albino. Una scena che rischiava di passare inosservata, se non fosse stato per la mamma del sedicenne.

La donna, dopo aver rintracciato il figlio (la famiglia vive a Milano), ha segnalato il caso alla polizia locale di Albino, che ha accertato la violazione: nessuno aveva chiesto al ragazzo i documenti, verificando così che non avrebbe potuto giocare alle slot- Gli agenti hanno anche controllato i filmati delle telecamere.

La segnalazione è arrivata al Monopolio di Stato, che ha elevato al locale una maximulta di 6.700 euro. E da Pontirolo Enrico Coppola, presidente della comunità Aga, lancia l’allarme: «Si inizia per gioco, si finisce con la dipendenza».


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 31 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA