Ritorno nelle seconde case per Pasqua Val Seriana, più controlli per le festività
Un posto di blocco sulla Circonvallazione

Ritorno nelle seconde case per Pasqua
Val Seriana, più controlli per le festività

La lettera alle Forze dell’ordine del presidente della Comunità Montana Val Seriana, Giampiero Calegari. I timori per le seconde case. Fermate 4.010 persone, 179 sanzioni-

Il presidente della Comunità Montana Giampiero Calegari ha scritto nella mattinata di mercoledì 8 aprile una lettera alle Forze dell’ordine per chiedere di intensificare i controlli in Valle Seriana in vista delle festività pasquali. Il timore di Calegari, infatti, è che con le notizie sui contagi e i decessi in diminuzione e l’avvicinarsi della Pasqua e del bel tempo, molti siano incentivati a raggiungere le località dell’alta valle.

«Egregi Comandanti – si legge – nel ringraziarvi per il lavoro che state svolgendo a servizio del nostro territorio, sono a chiederci ulteriore supporto. Come sapete la Val Seriana è stata devastata dall’emergenza e non nascondo il timore che, con l’approssimarsi delle festività pasquali e in considerazione delle notizie sulla diminuzione dei contagi e dei decessi, alcuni utenti possano decidere di trasferirsi presso le seconde case. Tutti noi conosciamo bene il dramma della Val Seriana e gli sforzi realizzati e ritengo che non possiamo in alcun modo arrenderci ora. Per questo motivo sono a chiedervi di organizzare alcuni posti di blocco continuativi al fine di intensificare i controlli».

Intanto dalla Prefettura fanno sapere che nella sola giornata di martedì 8 aprile sono state controllate 4.010 persone, di cui 179 sanzionate. Verifiche anche su 896 esercizi controllati, di cui 2 sanzionati.


© RIPRODUZIONE RISERVATA