Nembro: è già attivo lo sportello di aiuto psicologico per i cittadini
Nembro è uno dei centri della Bergamasca più colpiti dall’emergenza Covid-19 (Foto by Beppe Bedolis)

Nembro: è già attivo lo sportello
di aiuto psicologico per i cittadini

In mezzo a molte nubi oscure per l’emergenza Covid-19 si intravede anche qualche timido raggio di sole.

Tra le molte iniziative di supporto, in questo momento ad elevata complessità, c’è da segnalare che è già operativo il servizio «Unità di crisi Emdr- Nembro supporto telefonico psicologico gratuito». Lo sportello di aiuto psicologico è rivolto a tutti i cittadini nembresi, giovani, adulti ed anziani. Il team è composto da nove psicologi-psicoterapeuti opportunamente preparati e supervisionati a operare secondo gli standard previsti dai protocolli di psicologia dell’emergenza. Gli enti coinvolti in questo progetto sono il Comune di Nembro in collaborazione con Ats Bergamo e Associazione Emdr Italia.

Si sa che quando un grave evento colpisce una collettività, come quello che ci vede coinvolti in questi giorni, si viene a creare una condizione di elevata emotività che investe l’individuo, la famiglia e la comunità più allargata. Quando poi l’emergenza si protrae nel tempo, insieme alle ondate successive di notizie allarmanti trasmesse dai media, ognuno di noi può vivere reazioni emotive particolarmente intense: dolore, tristezza, paura o rabbia, tali da poter interferire con le capacità di vivere in equilibrio sia ora che in seguito, ognuno con tempi diversi e con modalità che variano da individuo a individuo.

Sicuramente in questo periodo vi sono esigenze primarie che chiedono di essere soddisfatte, quali il sostentamento, la protezione dei propri cari e la cura della salute del corpo, tuttavia mai come in questo periodo avere l’occasione di parlare con persone preparate sul come far fronte a momenti di fragilità e di elevata criticità può servire a fare stare meglio e reggere emotivamente il carico di stress e di dolore emotivo.

Ecco qui il link per accedervi, nel pieno rispetto della privacy e dell’anonimato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA