Parre porta in quota gli scarpinocc  Su L’Eco di oggi tutti i nomi di chi ci sarà
Il sopralluogo dei capicondata di Parre. Alle spalle del presidente Cai Paolo Valoti, l’assessore Omar Rodigari (Foto by Paola Valota)

Parre porta in quota gli scarpinocc
Su L’Eco di oggi tutti i nomi di chi ci sarà

L’intero paese seriano mobilitato nel coordinamento della cordata che parte dalla Malga Cassinelli: associazioni e amministratori in campo. Pronte mille porzioni del piatto tipico. Su L’Eco dell’8 luglio tutti i nomi dei partecipanti: sono oltre 3 mila.

C’è un campo avanzato della Cordata della Presolana che radunerà domenica 9 luglio qualcosa come oltre tremila persone, diverso da tutti gli altri. È il CA1 affidato, a differenza degli altri che fanno capo a sezioni e sottosezioni Cai piuttosto che a gruppi e associazioni legati al mondo della montagna, a un intero paese: Parre. Coordinerà l’Abbraccio nel primo tratto dell’Abbraccio, da Malga Cassinelli, sino all’ultimo tratto del Canale Visolo, poco meno di 1.200 metri di sviluppo e 280 di dislivello.

Al lavoro ci saranno amministratori, alpini, dipendenti comunali o alpinisti «sciolti» che non hanno tessere in tasca. A tirare le fila è Omar Rodigari, assessore a turismo, cultura eventi e rapporti con le associazioni del Comune di Parre. La loro è una gestione congiunta tra Comune, Pro loco, Sci Club, Ana e associazione fanti, Gruppo Escursionistico Passerese e Run Par, comitato promotore dell’evento «Corri nei borghi» di metà agosto.

E siccome se dici Parre pensi agli scarpinocc, il piatto tipico di questo paese seriano non potrà di certo mancare. La Pro loco porterà a quota 1.568 metri la propria attrezzatura, quella per intenderci utilizzata nella sagra di metà agosto, con tanto di cucina da campo; 20 mila gli scarpinocc preparati, per circa mille porzioni, servite con polenta di mais rostrato rosso di Rovetta e bergna, carne di pecora salata e marinata con spezie.


Leggi di più – anche tutti i nomi dei partecipanti alla Cordata – su L’Eco di Bergamo dell’8 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA