Processo per epidemia colposa, l’ex direttore dell’ospedale di Alzano sarà parte civile
L’accesso al Pronto soccorso dell’ospedale di Alzano sbarrato nel febbraio del 2020

Processo per epidemia colposa, l’ex direttore dell’ospedale di Alzano sarà parte civile

L’ex direttore dell’ospedale di Alzano Lombardo, Giuseppe Marzulli, che si oppose alla riapertura dell’ospedale dopo i primi casi di coronavirus lo scorso 23 febbraio 2020, si costituirà parte civile nel processo penale per epidemia colposa.

Marzulli ha delegato il team legale dell’azione civile dei familiari delle vittime Covid di rappresentarlo in giudizio. «Abbiamo sempre detto che i medici furono le prime vittime in una catena di negligenze che li ha portati a combattere in corsia un virus senza che gli venissero forniti gli strumenti per farlo in una catena di negligenze senza precedenti - fanno sapere dal team legale -. Il dottor Marzulli non solo si è ammalato cercando di salvare vite, ma ha anche visto morire colleghi, dipendenti e pazienti dentro l’ospedale. Impotente proprio come decine di migliaia di familiari delle vittime lombarde prima ed italiane poi».

In un’intervista all’Agi nei giorni scorsi, Marzulli aveva spiegato che il 23 febbraio «non esistevano le condizioni per riaprire l’ospedale e io mi rifiutai di farlo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA