Lunedì 04 Gennaio 2010

Cerete, allarme bocconi avvelenati
Ucciso cane della Protezione civile

Un cane dell'Associazione volontari Soccorso di Cerete è morto dopo aver ingerito, lo scorso venerdì, alcuni bocconi di carne avvelenata. Adesso, anche a seguito del ritrovamento di altre esche contaminate, scatta l'allarme. A darlo è il sindaco di Cerete Adriana Ranza: «Sono sconcertata da quanto è accaduto – esordisce il primo cittadino – anche perché da una prima e parziale verifica nella zona di via Faccanoni (lungo la strada che collega Cerete con Sovere) e nelle aree boschive limitrofe sono stati trovati bocconi avvelenati per un peso totale superiore al chilogrammo». Proprio in via Faccanoni si trova il campo di addestramento dell'unità cinofila della Protezione civile, area dove ogni settimana i volontari si ritrovano per addestrare i cani alle ricerche di persone in superficie, disperse tra le macerie a seguito di calamità, o in valanga. A guidare il gruppo che si occupa dell'addestramento degli animali per soccorsi in emergenza è il caposquadra e responsabile del campo Stefano Meregalli, peraltro proprietario del cane ucciso dal veleno. «Era un pastore tedesco – spiega Meregalli – che addestravo ormai da sei anni. Dopo il tanto lavoro che dedichiamo ai cani posso accettare che muoiano durante un'operazione di soccorso o nel corso di un'esercitazione, ma non concepisco gesti come questo, che riducono le possibilità di salvare vite umane e fanno fare all'animale una fine atroce». Anche per cani allenati come quelli della Protezione civile riconoscere i pezzi di carne alterata risulta impossibile a causa della totale assenza di sapore e odore del veleno. Per quanto riguarda l'esatto riconoscimento della sostanza tossica utilizzata per la preparazione dei bocconi si dovranno aspettare i prossimi giorni, quando arriveranno i referti delle analisi condotte dall'Asl di Bergamo. Nel frattempo – e fino a quando la zona a rischio non sarà circoscritta e controllata più attentamente dagli uomini del Corpo forestale – l'invito a quanti fra i possessori di cani si trovassero a passarvi è quello di prestare particolare attenzione e di dotare gli animali di guinzaglio e museruola. Nicola Tomasoni

k.manenti

© riproduzione riservata