Martedì 05 Gennaio 2010

Spionaggio industriale: le aziende
ricorrono all'investigatore privato

La crisi mette in ginocchio le economie ma fa correre gli investigatori privati. Infatti, tra i principali motivi dell’incremento del numero di aziende del settore delle agenzie investigative registrato negli ultimi mesi ci sarebbe anche la difficile congiuntura economica. “In un contesto così grave e delicato – osserva Vincenzo Francese, 47enne amministratore delegato di Axerta, società di investigazione privata fondata nel 1963 con sedi direzionali a Milano, Roma, Padova. Opera in tutto il paese, Bergamo compresa, gestendo circa 8 mila all’anno tramite una rete di 45 investigatori – molte aziende si sono volute tutelare contro lo spionaggio industriale ricorrendo alle agenzie investigative private. Ma abbiamo registrato l’aumento di richieste di indagini per tutto il comparto lavorativo-professionale in generale”.

Nella nostra provincia sono attualmente all’opera 35 agenzie di investigazione privata. Un numero in aumento rispetto alle 33 registrate nel 2007 e che colloca Bergamo in ventunesima posizione (insieme a Taranto) nella classifica delle province più spiate in Italia.

L'approfondimento su L'Eco di mercoledì 6 gennaio

e.roncalli

© riproduzione riservata