Sabato 16 Gennaio 2010

La Regione: «Problema da trattare
in modo oggettivo, non propagandistico»

«Ad altre città o regioni d'Italia, e ad altre metropoli europee come Parigi e Londra va data la maglia nera per l'inquinamento atmosferico. Non certo alla Lombardia». In una nota, Regione Lombardia replica a quanto diffuso da Legambiente.

«I suoi dati - si legge - sono noti da tempo e confermano che la Lombardia non è affatto tra le regioni più inquinate, nonostante le condizioni metereologiche assolutamente svantaggiose rispetto al resto d'Italia e d'Europa. Ma Legambiente Lombardia critica solo la nostra Regione, così come certi avvisi di garanzia si mandano solo nella nostra Regione: esempi preclari di pregiudizio politico».

«Napoli e Ancona, per esempio, nonostante il mare e la ventilazione, superano di gran lunga Milano e le altre città lombarde quanto a giorni di sforamento dei limiti di concentrazione delle polveri sottili - dicono dal Pirellone -. L'ozono vede l'intera Europa soffrire di superamenti del limite, il bacino padano non si distingue da questo punto di vista, pur avendo un clima più caldo del nord Europa (il caldo favorisce l'ozono)».

«Legambiente Lombardia - conclude la nota - farebbe bene a decidersi di trattare il problema in modo più oggettivo e attento a tutta la realtà e non propagandistico. Così darebbe un apporto utile e non demagogico o politicamente strumentale».

r.clemente

© riproduzione riservata