Venerdì 12 Febbraio 2010

Seriate, nel 2009 sono calati
incidenti stradali e multe

Nel 2009 è positivo il bilancio delle attività stradali della Polizia Locale di Seriate, per garantire il controllo del territorio e la sicurezza sulle strade contro comportamenti illeciti. A maggiori attività di prevenzione e informazione sull'educazione stradale è corrisposta una diminuzione degli incidenti e dei verbali redatti. Nel 2009 la Polizia Locale di Seriate ha rilevato 182 incidenti stradali, di cui 101 con feriti, 79 senza feriti e 2 mortali, contro i 190 del 2008. Le sanzioni della polizia stradale diminuiscono del 18.67% rispetto al 2008.

Nel 2009 si registrano infatti 6.353 verbali per infrazioni al Codice della Strada, diversamente dai 7.811 redatti nel 2008, per una diminuzione di – 1.458 verbali. Le 6.353 sanzioni si traducono in un totale di 7.271 punti da decurtare, rispetto ai 13.982 punti del 2008. Tra le infrazioni diminuite nel 2009 è da sottolineare quella di guida in stato d'ebbrezza e sotto l'effetto di sostanze stupefacenti: si va da 35 verbali del 2008 a 22 nel 2009, pari a una differenza percentuale del – 37.14% rispetto al 2008. Mentre la guida a due su ciclomotori o altro è passata da 13 infrazioni nel 2008 a 2 nel 2009, pari a – 84,62%. Anche le sanzioni per obblighi e divieti sono diminuite da 1.623 del 2008 a 1.289 del 2009.

«L'amministrazione comunale di Seriate ha a cuore la vivibilità della città e la sicurezza dei cittadini. Non ho delegato a un assessore la sicurezza per monitorarla personalmente, accertandomi che tutti i settori siano attenti a questo tema» dichiara il sindaco, Silvana Santisi Saita, sottolineando: «Seriate non segue la politica delle multe per incrementare le casse comunali. Lo dimostra la diminuzione di verbali per obblighi e divieti. La politica è piuttosto quella della prevenzione e della salvaguardia. Buoni risultati sono stati raggiunti, come dimostrano le riduzioni di guida in stato di ebbrezza e sostanza stupefacenti. Ma non ci accontentiamo e proseguiremo per questa strada».

A rimarcare il concetto il commento del comandante della Polizia Locale, Giovanni Vinciguerra: «Il risultato è frutto delle attività informative, formative e di prevenzione, quali il progetto Jonathan, per educare i giovani a evitare l'uso di alcool e di droghe, e il percorso di educazione stradale nelle scuole, coinvolgendo 25 classi per un totale di 552 alunni. Inoltre vi sono i controlli quotidiani del territorio. La presenza costante di pattuglie è deterrente contro le violazioni del Codice della Strada, come velocità eccessiva, spesso causa di sinistri stradali gravi. A questo si somma una maggiore consapevolezza e senso di civiltà del cittadino».

Il comandante ricorda anche i quotidiani controlli notturni. Dalle 20.00 alle 01.00, sono infatti monitorate le zone più critiche, quali via Nazionale e viale Lombardia, per contrastare la guida a velocità pericolosa ed eccessiva e la prostituzione, piazza Bolognini e la zona 167, per controlli contro il disturbo alle quiete pubblica. Sono stati effettuati 357 posti di controllo della Polizia Stradale, per un totale di 5.094 veicoli controllati. I verbali per velocità pericolosa sono passati da 92 nel 2008 a 69 nel 2009, pari a – 25%, mentre quelli per velocità eccessiva si riducono da 1.536 a 1.211 nel 2009.

Tra le altre attività di controllo territoriale e di sicurezza urbana si menzionano: la chiusura notturna dei parchi; i 30 controlli in cantieri edili del territorio per verificare il rispetto delle norme sulla sicurezza, con conseguente trasmissione dell'esito all'Asl di Trescore Balneario, competente a sanzionare. Nel 2009 si è puntato ad una campagna informativa quale deterrente all'accattonaggio molesto (nel 2010 sono state date 2 sanzioni amministrative per accattonaggio molesto), bivacco e imbrattatura. Le attività di Polizia Giudiziaria nel 2009 registrano 47 denunce all'autorità giudiziaria per lesioni, oltraggio a pubblico ufficiale, documenti contraffatti, mentre l'Autorità Giudiziaria ha eseguito 343 procedimenti.

Si sottolinea la costante ed efficace collaborazione con le forze di polizia dello Stato e la tenenza dei carabinieri di Seriate per indagini sulle condizioni di clandestinità, per il rispetto della normativa sull'immigrazione in Italia e per l'accertamento delle criticità segnalate dai cittadini. Il controllo del territorio è stato supportato anche dalla presenza del presidio degli Alpini, coordinato dal capitano dei carabinieri Giuseppe Regina. Durante l'anno, specie nel periodo primaverile ed estivo, si è lavorato per tutelare la sicurezza ambientale e le aree verdi cittadine, monitorando l'Oasi Verde e i parchi del territorio. Diversi anche i controlli sul gas di scarico delle autovetture, grazie all'opacimetro fornito dalla Regione Lombardia ai sensi della Legge regionale 24/2006.

k.manenti

© riproduzione riservata