Mercoledì 24 Febbraio 2010

Smog in calo, ecco tutti i dati
della ricerca dell'Arpa Lombardia

Ecco la scheda fornita dalla Regione Lombardia con i principali indicatori relativi all'andamento quantitativo e qualitativo delle polveri sottili nell'atmosfera della Lombardia e di Milano in particolare.

DIMINUZIONE DELLE CONCENTRAZIONI
La diminuzione delle emissioni di PM 10 dal 2005 è dell'8%: 1600 tonnellate all'anno su circa 20.000 totali; la diminuzione delle emissioni di PM 2,5 nello stesso periodo è del 10% (1.725 tonnellate su 16.926)

Cinque capoluoghi lombardi hanno una media di concentrazione di Pm10 scesa sotto i 40 mg/mc (Bergamo, Como, Sondrio, Lecco, Varese). Negli altri 7 capoluoghi la media di concentrazione di PM10 è scesa sotto i 50 mg/mc.

Il trend di diminuzione dal 2002 a oggi è ben definito in tutte le province. Anche il trend delle massime concentrazioni giornaliere negli anni è in diminuzione.

La proporzione tra PM2,5, PM10 e PTS (polveri totali) è rimasta pressoché costante in tutti gli anni considerati, in presenza di una generale diminuzione delle concentrazioni. Non è vera l'affermazione contraria.

LE SORGENTI
Le sorgenti principali di PM10 (e PM2,5) sono:
a) combustibili (due terzi)
- diesel: 6.174 tonnellate
- legna e derivati: 5.949 tonnellate
- la benzina verde segue a grande distanza con 293 tonnellate

b) non combustibili (un terzo)
- usura, erosione, cave, agricoltura: 6.497 tonnellate

QUALITA' DEL PARTICOLATO
Espressa in nanogrammi per metro cubo; tra parentesi il valore obiettivo, cioè la soglia massima da conseguire entro la fine del 2012: si nota che per tutte le sostanze nocive tale obiettivo è stato già raggiunto e nettamente migliorato.
- Benzo(A)pirene: 0,27 (1,00)
- Arsenico: 1,10 (6,00)
- Cadmio: 1,20 (5,00)
- Nichel 5,5 (20,00)

Tutte le componenti sono nettamente diminuite negli ultimi 10
anni:
- piombo e bromo per la migliore qualità delle benzine o per l'uso di metano e gpl
- nichel e vanadio per il divieto di utilizzo dell'olio combustibile pesante per riscaldamento
- zolfo per la migliore qualità del gasolio

MILANO
Il capoluogo lombardo non è affatto la città peggio messa in Italia; al contrario: nella classifica di una quarantina di siti italiani monitorati, essa si colloca al 35° posto per tasso di benzo(a)pirene, al 18° per l'arsenico, all'8° per il cadmio, al 22° per il nichel.
Il periodo dal 1 gennaio al 23 febbraio del 2010 rappresenta il miglior anno dal 2002: la concentrazione media del PM10 è scesa da 108 mg/mc del 2002 a 63, il numero di giorni di superamento della soglia di 50 mg/mc da 46 a 31.

r.clemente

© riproduzione riservata