Domenica 28 Febbraio 2010

Guida ubriaco alla faccia del blocco
Brasiliano fermato 2 volte in tre ore

Si è chiuso alle 17 il blocco del traffico in città e in altri 16 Comuni della provincia, cominciato alle 10: una scelta simbolica e di sensibilizzazione da parte di tutta la Val Padana per far sentire la voce del Nord, che vuole agire in modo coordinato e unito contro lo smog.

A Bergamo sono stati impegnati 72 agenti della polizia locale che hanno fermato 387 auto. In tutto sono 23 i trasgressori del blocco che sono stati multati. Tra loro un brasiliano di 29 anni che, alla guida di una Volvo 70, è stato fermato ubriaco due volte nel giro di tre ore. La prima alle 12.20 in via Broseta: il giovane aveva un tasso alcolemico di 1,30 e guidava senza mai aver conseguito la patente. Oltre la multa, è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e guida senza patente. L'auto è stata riaffidata al proprietario, un connazionale del 29enne.

Alle 15 lo stesso brasiliano, sempre sulla Volvo 70, è stato rifermato in via Maj, con un tasso alcolemico di 0,80: questa volta è stato denunciato anche l'amico per incauto affidamento dell'auto, mentre lui è stato multato la seconda volta. Alle 16.25 in via Suardi è stato fermato un italiano su una Peugeot, con un tasso alcolemico di 0,80: per lui è scattata la denuncia e la multa perchè non era autorizzato a circolare con il blocco.

Altre tre multe sono state comminate per mancata revisione dell'auto, due per patenti scadute e tre per dimenticanza dei documenti.

Il maltempo, c'è da dire, ha comunque scoraggiato le passeggiate in città: molti bergamaschi hanno preferito restarsene a casa. Sul Sentierone ha avuto successo l'iniziativa delle bancarelle della Coldiretti con i prodotti dell'agricoltura bergamasca.

Nel pomeriggio il gruppo country «I mismountain boys» ha allietato i visitatori, mentre le guardie ecologiche hanno spiegato ai cittadini l'obiettivo delle giornate antismog e hanno distribuito materiale illustrativo sulle iniziative.
Guarda nei link le foto e i video del blocco

k.manenti

© riproduzione riservata