Lunedì 01 Marzo 2010

Strangolata dal fidanzato: in coma
La sorella: «Siamo sconvolti»

Ha cercato di strangolare la fidanzata stringendole al collo una cintura al culmine di una lite, ma i carabinieri lo hanno bloccato e arrestato. Un operaio 25enne boliviano, Luis Alberto Villarroel Sardon, regolare e incensurato, è finito in cella con l'accusa di tentato omicidio aggravato. Tutto è successo lunedì alle 12.30 in un appartamento di Bergamo, in via Tolstoj 11, nella zona della Clementina.

La ragazza, una studentessa itailana di 20 anni, Sara Taiocchi, è ricoverata in coma e in pericolo di vita all'ospedale di Seriate. La lite sarebbe scoppiata per motivi di gelosia, non ancora chiari nemmeno ai familiari. Lunedì il boliviano si è presentato a casa della fidanzata, che in quel momento era sola, verso mezzogiorno e ha cominciato a insultarla e minacciarla. Il giovane è in Italia da molti anni, vive con la famiglia in via Carducci e non ha mai avuto problemi con la famiglia della fidanzata, con cui ha una relazione da circa 5 anni.

Tra i due giovani è scoppiata una lite furibonda e il boliviano si è sfilato la cintura dai pantaloni e ha cercato di strangolare la ragazza nella camera da letto: in quel momento, verso le 13, è rincasato il padre di Sara Taiocchi, un infermiere di 61 anni in pensione, che ha cercato subito di bloccare l'operaio. Luis Alberto è però riuscito a non far entrare l'uomo nella stanza, tenendo la porta chiusa con il peso del suo corpo, e nel frattempo continuava a stringere la cinghia al collo della ragazza. L'infermiere, terrorizzato, ha chiamato il 112 raccontando quello che stava succedendo. 

Nel giro di pochi minuti i carabinieri del nucleo di Pronto intervento sono arrivati nell'appartamento e hanno trovato il boliviano ancora barricato in camera, con un ginocchio sul petto della ragazza e una cintura di cuoio legata al collo della vittima, che stava agonizzando. Il 25enne è stato immobilizzato e arrestato, mentre la ragazza è stata soccorsa dal padre, che le ha praticato il massaggio cardiaco in attesa dell'arrivo del 118.

Sara Taiocchi è stata portata in ambulanza all'ospedale Bolognini di Seriate, dove è ricoverata in Rianimazione in coma farmacologico. Le sue condizioni sono gravi ma stazionarie. Il boliviano è stato portato in carcere dove sarà interrogato dal gip. Disperati i familiari della studentessa, oltre al padre anche la madre, una sorella e due fratelli. «Siamo sconvolti» è l'unica parola che è riuscita a dire la sorella, sconvolta per una tragedia che nessuno si sarebbe aspettato.

k.manenti

© riproduzione riservata