Venerdì 21 Maggio 2010

Tra le 2 litiganti s'intromette la mamma
Caravaggio, ragazzina finisce in ospedale

Una lite tra due ragazzine che frequentano la terza media a Caravaggio è degenerata in una zuffa che ha coinvolto anche la madre di una delle due. È accaduto martedì mattina, davanti ai cancelli della scuola media paritaria «La sorgente», in via Guzzasete.

Le radici della lite risalgono però al giorno prima: due tredicenni, una studentessa alla Sorgente, l'altra alle scuole medie statali, avrebbero avuto una discussione piuttosto accesa, scaturita per futili motivi, nelle vicinanze delle medie statali. La mattina dopo, appunto martedì, prima dell'ingresso degli studenti per le lezioni, davanti ai cancelli della Sorgente si è presentata anche la madre della giovane che frequenta l'altra scuola e avrebbe chiesto conto di quanto accaduto il giorno prima alla coetanea della figlia, che è arrivata in bicicletta.

Cosa esattamente sia accaduto negli istanti immediatamente successivi non è ancora molto chiaro e circolano versioni discordanti: sembrerebbe tuttavia certo che la ragazzina sia caduta a terra, non si sa se perché spinta dalla madre dell'altra giovane, oppure a seguito di uno schiaffo infertole dalla stessa donna. Per calmare gli animi è intervenuto anche un insegnante della vicina scuola agroalimentare. La tredicenne è stata poi accompagnata dai genitori al Pronto soccorso di Treviglio, dove i medici l'hanno subito dimessa con 10 giorni di prognosi per delle escoriazioni.

La madre di quest'ultima si è poi presentata dai carabinieri della locale stazione per chiedere consiglio su come comportarsi. Le è stato spiegato di avere 90 giorni di tempo per sporgere denuncia nei confronti dell'altra mamma, visto che per fatti del genere i carabinieri non procedono d'ufficio. Fino a ieri non era stata ancora presentata alcuna denuncia in merito all'accaduto.

La vicenda ha rapidamente fatto il giro di Caravaggio. «L'episodio si è verificato fuori dalla scuola – spiega Genny Scaperrotta, preside della Sorgente –: non ero presente, ma da quanto mi è stato riferito una nostra studentessa è stata aggredita da persone estranee al nostro istituto. Io e la preside della scuola media Mastri Caravaggini abbiamo preso atto di questo episodio, brutto e grave. Ne ho parlato con gli studenti in quanto educatrice e li ho invitati a riflettere sulla necessità di un approccio più costruttivo ai conflitti, da ricercare attraverso il dialogo e il confronto e non con lo scontro».

a.ceresoli

© riproduzione riservata