Venerdì 21 Maggio 2010

Scialpinista di Villongo disperso
passa la notte in un rifugio

Uno scialpinista di 35 anni di Villongo ha dovuto passare la notte in quota, in un rifugio di fortuna, insieme a un amico bresciano. I due avevano sbagliato itinerario e per loro, giovedì sera, era scattato l'allarme: i due erano nella zona del Pisgana, a Ponte di Legno. I soccorritori, che s'erano subito messi in movimento e li hanno ritrovati venerdì mattina: in azione sono entrati gli uomini del corpo nazionale di soccorso alpino e speleologico, il Cnsas. Una ventina in tutto gli uomini mobilitati nella serata di giovedì, anche con le unità cinofile.

L'altro disperso è un 32enne di Piancamuno: insieme erano partiti per un'escursione di sci alpinismo con l'obiettivo di discendere al Pisgana dal Mandrone, uno degli itinerari più classici per questo tipo di sport. Hanno però sbagliato direzione e si sono ritrovati verso l'Adamello.

A causa dell'oscurità, non erano più in grado di tornare a valle e così hanno pernottato nel Bivacco Ugolini. All'alba di oggi, venerdì, si sono rimessi in movimento. I tecnici del Soccorso alpino di Brescia li hanno avvistati dall'elicottero.

Le  condizioni di salute dei due scialpinisti sono buone: solo un po' infreddoliti, perché in quota le temperature sono ancora basse.

r.clemente

© riproduzione riservata