Venerdì 16 Luglio 2010

Frutta e verdura a ruba, i consigli di Coldiretti

In vista del weekend che gli esperti annunciano come il più caldo, la Coldiretti di Bergamo ricorda a chi vuole acquistare frutta e verdura per combattere l'afa opprimente, che sabato mattina 17 luglio i produttori saranno a Clusone, in piazza Manzù, con l'Agrimercato di Campagna Amica, uno degli esempi di filiera corta realizzati dalla Coldiretti per facilitare gli acquisti di qualità senza spendere in modo eccessivo. Sui banchi dei produttori infatti i prezzi sono calmierati e i prodotti sono freschi.

La frutta e la verdura di stagione sono infatti ottimi per combattere il caldo e l'eccessiva sudorazione perché rinfrescanti, ricchi di vitamine e sali minerali indispensabili per non affaticare troppo l'organismo. E per ottimizzare la spesa, la Coldiretti ha messo a punto un vademecum anti spreco in dieci punti con i consigli da seguire per mantenere la freschezza della frutta e verdura acquistata dal campo, al banco del rivenditore fino alla tavola dei consumatori. Occorre quindi
1) effettuare acquisti ridotti e ripetuti nel tempo;
2) scegliere i frutti con il giusto grado di maturazione, non appassiti, con aspetto turgido e non eccessivamente necrotizzati nei punti di taglio;
3) verificare l'etichettatura e preferire le produzioni e le varietà locali da acquistare direttamente dai produttori o nei mercati degli agricoltori che, non essendo soggette a lunghi tempi di trasporto, durano di più;
4) preferire varietà di stagione che hanno tempi di maturazione naturali;
5) prediligere, compatibilmente con le esigenze, frutti interi (esempio cocomero) che si conservano più a lungo.

Per quanto riguarda il trasporto è bene
6) fare la spesa poco prima di recarsi a casa ed evitare di lasciare troppo a lungo la frutta e verdura dove il sole e le alte temperature favoriscono i processi di maturazione
7) nel caso di trasferimento con auto climatizzata, riporre i prodotti nel sedile posteriore piuttosto che nel bagagliaio
8) mantenere separate le confezioni delle diverse varietà di frutta e verdura acquistate che vanno riposte in contenitori di carta piuttosto che in buste di plastica.

È importante seguire alcuni piccoli accorgimenti anche tra le mura domestiche dove
9) bisogna mantenere separata la frutta e verdura che si intende consumare a breve da quella che si intende conservare più a lungo: la prima può essere messa in un portafrutta al buio eventualmente coperta da un tovagliolo e comunque lontano dai raggi del sole, mentre la seconda va posta in frigorifero, ma lontano dalle pareti refrigeranti.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata