Giovedì 22 Luglio 2010

Partenze annunciate e rinviate
Prima o poi si parte. Forse

Oggi 21 luglio, quando sono arrivato a Milano Lambrate il treno 2629 delle 18.18 era annunciato con 10 minuti di ritardo sul tabellone elettronico. Alle 18.25 nessuna notizia. Sono sceso nel sottopassaggio e ho scoperto che il ritardo era salito a 15 minuti. Alle 18.30 il ritardo era salito a 20 minuti. Alle 18.33 finalmente c'è stato il primo annuncio all'altoparlante (intanto chi aspettava al binario cuoceva sotto il sole). Il ritardo poi è salito a 25 e infine a 30 minuti sempre senza annunci.

Alla fine è arrivato prima il treno successivo che è stato fatto partire con più di 5 minuti di ritardo alle 18.55 mentre l'altoparlante annunciava l'arrivo del treno delle 18.18. Ora io capisco che fare viaggiare i treni in orario, farli viaggiare puliti e confortevoli è un'impresa al di sopra delle vostre possibilità, ma fare uno straccio di annuncio di ritardo, magari dando anche una motivazione, non penso sia così difficile! Avete fatto anche dei corsi appositi qualche anno fa pagati a spese dei contribuenti. Un'ultima nota: mentre noi pendolari diretti a Bergamo aspettavamo inutilmente per 40 minuti il nostro UNICO trenino di quella fascia oraria sono partiti almeno DUE treni diretti a Treviglio. E poi qualcuno si lamenta e vuole fare fermare anche i treni diretti a Bergamo .... beh dateci un numero di corse tra Bergamo a Milano uguale a quello tra Milano e Treviglio e poi li facciamo fermare volentieri i treni a Treviglio Ovest!

Salvatore Vassallo

t.mirabile

© riproduzione riservata