Domenica 12 Settembre 2010

Scippano anziano in via Palma il Vecchio
Rincorsi e bloccati da due stranieri

Hanno cercato di portare via il borsello a un anziano che camminava in via Palma il Vecchio, ma sono stati bloccati in via Ronzoni da due extracomunitari che, sentendo le urla della vittima, non hanno esitato a intervenire. Nei guai, nel tardo pomeriggio di sabato 11 settembre, sono finiti due giovani, un maschio e una femmina, che sono stati bloccati dai carabinieri e condotti in caserma: si tratta di un ragazzo di 24 anni di Vieste, R. V., ritenuto esecutore materiale dello scippo, e di una ragazza di 18 anni originaria di Bergamo ma con residenza a Benevento, P. M., ritenuta la complice.

I due, accusati di furto con strappo, saranno processati lunedì 13 settembre per direttissima. Restituito invece il bottino di 500 euro all'uomo di 80 anni scippato.

Tutto è successo poco prima delle 19 in via Palma il Vecchio. Stando ad una prima e sommaria ricostruzione, un ottantenne stava camminando per strada quanto è stato avvicinato dai due giovani, che gli hanno strappato il borsello. L'uomo, accortosi di quanto stava succedendo, ha iniziato a urlare e li ha rincorsi: sentendo le urla e le richieste di aiuto dell'ottantenne scippato, due cittadini stranieri che abitano in città e proprio in quel momento si trovavano nelle vicinanze del luogo dell'aggressione sono intervenuti per aiutare l'anziano e sono riusciti a bloccare i due fuggitivi, arrivati nel frattempo nella vicina via Ronzoni.

Di quanto stava succedendo è stato immediatamente avvertito il 112 dei carabinieri: la centrale operativa dell'Arma di via delle Valli ha quindi inviato sul posto una pattuglia, che ha preso in consegna i due fermati. Fortunatamente l'anziano preso di mira non ha riportato ferite e non ha avuto bisogno di cure mediche. La coppia è stata caricata sull'auto dei carabinieri e condotta in caserma per gli accertamenti del caso. I militari hanno convocato anche la vittima e i due extracomunitari intervenuti per soccorrerla, in modo da ascoltare i loro racconti e avere un quadro più completo della vicenda.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata