Lunedì 01 Novembre 2010

Da oggi Vincenzo Ricciardi
è alla guida della Questura

Prende servizio lunedì 1 novembre il nuovo questore di Bergamo: Vincenzo Ricciardi sostituisce Matteo Turillo, a sua volta trasferito al ministero dell'Interno a Roma. La prima uscita ufficiale di Ricciardi in occasione della cerimonia al cimitero per la commemorazione dei Caduti per la Patria guerre.

Il giorno successivo incontrerà i dirigenti della Questura per uno scambio di vedute su come affrontare l' attività operativa. Vale la pena sottolineare che per Vincenzo Ricciardi, 60 anni, si tratta di un ritorno, visto che a cavallo degli anni Ottanta e Novanta fu alla guida della nostra Squadra Mobile, lasciando un indelebile ricordo anche per ibrillanti risultati conseguiti soprattutto nell'ambito della lotta alla criminalità comune e del terrorismo.

«Tornare nella sede – ha detto Ricciardi - dove iniziai il percorso in Polizia, in aggiunta al fatto che da allora ho abitato con la famiglia a Bergamo, innesca in me forti sentimenti affettivi ed emotivi. Inoltre penso proprio che i miei trascorsi professionali in questa stessa Questura e i contatti da sempre mantenuti con la gente del luogo mi agevoleranno parecchio nel mio compito».

La concreta esperienza maturata a Bergamo e in altri territori del Paese contro la criminalità sarà così messa a frutto da Ricciardi per contrastare questo fenomeno. «Quello della lotta alla delinquenza, intesa nel più ampio senso del termine, sarà uno dei punti fermi sui quali dovremo instancabilmente agire. Del resto, proprio la Squadra Mobile di Bergamo vanta una lunga tradizione su scala nazionale per le operazioni portate, da sempre, a termine. L'aver avuto un maestro dello spessore dell'adesso prefetto Nicola Cavaliere ha rappresentato una ricchezza davvero inquantificabile».

Altro impegno che dovrà affrontare il nuovo questore, come i suoi predecessori, sarà il rapporto con la tifoseria dell' Atalanta. Al riguardo Ricciardi ha già un suo orientamento. «Quello dell'ordine pubblico – ha precisato - e che coinvolge i supporter delle squadre di calcio non mi trova impreparato. Personalmente sono votato al dialogo con tutti, nessuno escluso. Naturalmente i supporter non dovranno oltrepassare i limiti di un comportamento civile o se si preferisce sportivo».

Un'ultima nota merita attenzione: è la prima volta in assoluto, a Bergamo, che alla guida della Polizia di Stato si insedia un questore che aveva già prestato servizio nel nostro territorio.

Arturo Zambaldo

r.clemente

© riproduzione riservata