Venerdì 10 Dicembre 2010

Yara, Tironi ascoltato in Questura
E' la quarta volta in 2 settimane

È stato nuovamente sentito come testimone, negli uffici della questura di Bergamo, Enrico Tironi, il ragazzo diciannovenne, vicino di casa di Yara Gambirasio, che aveva raccontato di aver visto la ragazza scomparsa, il pomeriggio del 26 novembre, in via Rampinelli, a Brembate Sopra.

Il giovane aveva raccontato di aver visto Yara in compagnia di due uomini. Poco distante vi sarebbe stata una Citroen di colore rosso. Tironi è stato sentito per quattro volte, compresa questa, da investigatori e inquirenti. A quanto si è saputo, il ragazzo è stato convocato nuovamente per chiarire dettagli della sua versione.

Il giovane aveva rilasciato una lunga dichiarazione alla Rai che è stata ritrasmessa nella serata di mercoledì 1° dicembre dal seguitissimo programma «Chi l'ha visto»: il giovane nel filmato ha raccontato di aver visto Yara parlare e scherzare con due uomini, uno dei quali - secondo la sua opinione - di origini slave. Tironi ha detto di averla vista ridere e ha indicato alle telecamere anche il punto in cui i tre si trovavano a parlare, confermando la descrizione fatta della ragazza: la pettinatura con la coda di cavallo, il giubbino nero e, sotto la giacca, la maglia azzurra. Tironi ha anche spiegato di non aver avuto problemi a riconoscerla: «La conosco fin da piccola - ha spiegato - e non è mai cambiata».

Tironi aveva poi ritrattato le sue dichiarazioni rese alle tivù, salvo poi riconfermarle davanti al pm. Ora la quarta convocazione. E stavolta ad ascoltare Tironi c'erano quasi certamente gli uomini dello Sco, accanto a quelli del Ros, il Raggruppamento operativo speciale dei carabinieri Sulla vicenda era intervenuta anche la famiglia di Tironi che aveva fatto scudo attorno al ragazzo: «Mio figlio ha fatto una sciocchezza raccontando quelle cose - aveva detto la madre -, ma è un ragazzo a posto».

e.roncalli

© riproduzione riservata