Lunedì 17 Gennaio 2011

Si indaga sull'omicidio di Chignolo
Cento persone interrogate

Sono un centinaio le persone che i carabinieri hanno interrogato, fra domenica e lunedì, per cercare di far luce sull'omicidio è Eddy Manuel Barone Castillo, il domenicano di 26 anni trovato morto in un parcheggio nella zona industriale di Chignolo d'Isola.

Domenica sono state sentite 45 persone: si tratta degli amici del ragazzo, dei clienti della discoteca «Sabbie Mobili Evolution», dei parcheggiatori del locale e di un commerciante ambulante che vendeva panini poco distante dal luogo dell'omicidio. Altrettante le persone sentite nella giornata di lunedì.

Gli inquirenti stanno seguendo alcuni indizi trovati vicino al corpo, ma questo non esclude altre piste. Tanto che i carabinieri stanno pensando di acquisire agli atti anche i filmati delle tante telecamere di sicurezza delle aziende della zona: nelle immagini cercheranno tracce dell'aggressione, con l'unico problema della fitta nebbia che avvolgeva la zona intorno all'ora del delitto.

La pista privilegiata resterebbe quella della lite, iniziata nel parcheggio della discoteca, diventata diverbio e, probabilmente, alla fine degenerata tragicamente.

Eddy Manuel Barone Castillo aveva sulla fronte una grossa ferita che ha fatto subito pensare a un colpo, o forse più di uno, sferrato con violenza. Nei giorni scorsi, a quanto si è potuto apprendere, il ragazzo sarebbe stato medicato in pronto soccorso proprio in seguito ad un'altra aggressione.

Il corpo del ventiseienne è stato scoperto poco dopo le 10 di domenica in via Bedeschi, a pochi passi dalla cabina dell'Enel di fronte all'azienda Radici Novacips. A trovarlo è stato un agente di commercio di Trezzo sull'Adda, Antonio Pagani, di 60 anni, che stava portando a passeggio il cane.

L'uomo, attirato dall'animale, si è avvicinato e ha visto il giovane a terra: appena si è reso conto che era morto ha chiesto aiuto ad altri passanti e pochi minuti dopo sul posto sono accorsi i carabinieri della stazione di Capriate con i colleghi di Treviglio. Nel parcheggio, transennato dai militari, sono state trovate diverse macchie di sangue, la più grande delle quali era vicino alla testa del giovane.

r.clemente

© riproduzione riservata